Resoconto – XIX Settimana 18/19

REAL MADRID - TOTTENHAM

2-2 (1-0)

Pareggio che mostra la caparbietà del Tottenham nel cercare insistentemente la via del gol con le verticalizzazioni. Il pareggio è il risultato più giusto. Il Real ha dalla sua un piglio migliore nel primo tempo e FIordelli si fa trovare sempre pronto a timbrare il cartellino al 19′. Il Tottenham sembra crederci molto di più nella ripresa e riesce a trovare il pareggio con Nutarelli al 34′ salvo però subire immediatamente il nuovo vantaggio del Real Madrid. I blancos sembrano in grado di ottenere i tre punti controllando bene il campo ma nei minuti finali la squadra inglese ci crede e sfrutta un momento di appannamento degli avversari per portare a casa un punto che fa molto morale.

BOCA J. - HERTHA B.

3-5 (3-3)

Inizio gara in salita per gli sfidanti del Boca Juniors. Due errori individuali e Morici ne approfitta per segnare la sua personale doppietta dopo appena 5′ di gara. Il Boca con calma ed applicazione crea le sue azioni pericolose che Rezzi trasforma con due belle trasformazioni. L’Hertha, leggermente sottotono rispetto al solito, passa nuovamente in vantaggio ma la squadra argentina si dimostra in palla e riesce a chiudere il primo tempo sul pari. Ripresa subito fatale però con il gol di Paradiso al 28′ per la squadra tedesca. Il Boca cede nuovamente il gioco all’Hertha che però non riuscirà più a creare molti pericoli alla retroguardia degli argentini. Nell’ultima parte di gara sale, come normale che sia, l’aggressività del Boca alla ricerca del pareggio ma l’unica cosa che otterranno saranno cartellini ed il gol del definitivo 5-3 a pochi minuti dal termine.

WEST HAM - GENOA

3-3 (1-2)

Sfida di media classifica molto equilibrata ma anche molto nervosa per via di alcune decisioni arbitrali al limite. Parte benissimo il West Ham in vantaggio subito al 5′ con Di Martino. Il Genoa sembra però in grado di poter segnare in qualsiasi momento e così sarà al 12′ con Bartoli e successivamente al 20′ con un gran gol di Alibrandi. Ripresa con il Genoa che semina ma non riesce a raccogliere quanto creato. Come spesso avviene in questi casi ecco arrivare il gol del pari del West Ham ma il Genoa è perfetto nel riportarsi subito dopo nuovamente in vantaggio. Finale di gara convulso con il West Ham che approfitta della serata nervosa della difesa avversaria per guadagnare un punto fondamentale per loro.

CONTROBALZO - MAN. CITY

1-2 (0-1)

Altra settimana ed altra vittoria per il Manchester City che, nonostante un Controbalzo ben messo in campo, ha sfoderato una gran prestazione mentale e la maturità giusta per superare la propria serata no in fase offensiva. Il primo tempo vede un maggior numero di tiri da parte del City ma, a parte il gol del momentaneo vantaggio di Sterbini al 21′, tutti innocui per l’estremo difensore. Ripresa con il Controbalzo che approfitta di un City ancora rimasto in panchina per pareggiarla. Neanche il tempo però di aggiornare il risultato ed ecco che Angeloni nuovamente porta avanti il Manchester a 20 minuti dal termine. 20 minuti in totale equilibrio che ci fanno capire quanto la posizione in classifica per il Controbalzo sia bugiarda rispetto a quanto mostrato.

TOP DE GAMA - ROMA

5-1 (3-0)

Un Top de Gama che sembra aver trovato finalmente la quadra. Cade nella trasferta del Mirage anche la Roma che cede sul piano del gioco contro un Top sulle ali dell’entusiasmo che sfrutta sapientemente i movimenti tra le linee nella trequarti avversaria per creare gli spazi giusti ed infilare a ripetizione l’incolpevole Patrone.

MACCABI R. - INTER

3-3 (2-2)

Occasione persa per l’Inter di allungare in classifica proprio sul Maccabi Roma. Il primo tempo però è proprio il Maccabi a fare il gioco ed a portarsi meritatamente avanti con Djerbi al 13′. Il ritmo è altissimo e da qui in poi il primo tempo sarà tutto un susseguirsi di azioni pericolose realizzate. 15′ pareggio di Mattioli. 17′ grandissimo gol dalla distanza di Della Seta. 21′ pari nuovamente dell’Inter con un gol da cineteca di Dadone che da fuori area impatta di collo pieno al volo una palla ribattuta dalla difesa. Ripresa che vede l’Inter ancora in trance agonistica portarsi per la prima volta in vantaggio sempre con Mattioli. Il Maccabi riesce succesivamente a riconquistare un po’ di campo senza però riuscire ad impensierire più di tanto il portiere neroazzurro. Sarà solo su una punizione dal limite che il Maccabi pareggierà al secondo minuto di recupero chiudendo in pari una partita davvero combattuta.

 

 

FUTBOLCLUB - LIVERPOOL

3-1 (2-0)

Visto che all’andata terminò 9-4 per la squadra inglese, il Futbolclub decide di impostare la partita fin da subito sfruttando il portiere di movimento che costringe il Liverpool, comunque forte dei 5 gol di vantaggio, a chiudersi. La decisione premia il Futbolclub che nel primo tempo (seppur con qualche rischio come ad esempio un palo dalla distanza a porta vuota preso dal Liverpool) chiude meritatamente 2-0. La partita sembra in mano del Futbolclub ma subito ad inizio ripresa il Liverpool accorcia con Macccagno. E’ un gol che da una nuova carica mentale al Liverpool che riuscirà per tutto il secondo tempo a chiudere sempre in maniera pereftta le linee di passaggio concedendo al Futbolclub solo una altra marcatura con Manzetti al 37′.

PSV - ALBOS

4-11 (0-6)

Il PSV arriva a questa partita davvero malconcio dopo aver subito l’ennesimo infortunio stagionale. La partita fin da subito viene controllata dall’Albos che trova con troppa facilità la via del gol chiudendo, dopo appena 7 minuti, la pratica con le doppiette di Perazzolo e Raffaelli. La squadra olandese si riprende con il passare dei minuti e nel secondo tempo rende onore alla partita cercando in tutti i modi di mettere in difficoltà l’Albos che però oramai forte dell’ampio margine acquisito ribatterà colpo su colpo andando a guadagnarsi la meritata semifinale.

VILLARREAL - CHELSEA

10-1 (3-0)

Chelsea in netta difficoltà soprattutto nel secondo tempo. La prima parte di gara vede la partita aprirsi con una puntata al 5′ di Ciampini che anticipa il movimento della difesa e la mette all’angolino basso. Il gol da subito coraggio al Villarreal che prende il controllo del campo con il Chelsea però che regge bene. Al 15′ e successivamente al 18′ arrivano altri due gol del Real che spezzano la partita e permettono nel secondo tempo al VIllarreal, con il Chelsea proiettato in avanti ma senza le dovute forze, di trovare molti più spazi nella ripresa per incrementare il risultato trovando un parziale di 7-1 nei 25′ minuti finali.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione.